L’Attacco dei Giganti: trama e recensione!

Scritto da Giorglx

10/12/2020

Pensavate forse di esservi liberati di me? Mi dispiace per voi, ma sono di nuovo qui!

Ripartiamo alla grande con la recensione di un anime che mi ha letteralmente fatto passare notti insonni: L’attacco dei giganti (Attack on Titan/Shingeki no Kyojin/come volete chiamarlo lo chiamateūüėā). Non sto scherzando, ho guardate tutte e 59 le puntate (vi ricordo che le puntate della nuova stagione escono alle 8.00 ogni marted√¨) in soli 4 giorni e non ho mai “mangiato” un anime cos√¨ velocemente. Ovviamente la mia recensione far√† riferimento solamente all’anime (dato che il manga l’ho letto solo in parte) ed alle stagioni che sono uscite fino ad adesso. Quindi partiamo.

Trama

L’umanit√† √® costretta a rifugiarsi, per via dei cosiddetti giganti, all’interno di una grande “citt√† fortificata”, divisa in distretti e difesa da 3 mura: il Wall Sina, il Wall Rose ed il Wall Maria. Nell’anno 845 compare un gigante alto circa 60 metri che con un calcio crea una breccia nella cinta esterna del Wall Maria, presso il distretto di Shiganshina. I giganti sciamano al suo interno divorando quanti pi√Ļ umani possibile, mentre questi cercano inutilmente di difendersi e scappare; tuttavia, prima che gli uomini riescano a chiudere le porte interne delle mura, un gigante corazzato le sfonda con un colpo e gli umani sono costretti a ripiegare all’interno del Wall Rose. L’umanit√† tenta in seguito una disperata riconquista del territorio perduto che fallisce miseramente. L’enorme perdita di uomini contribuisce per lo meno ad attenuare la carestia di cibo creatasi per la perdita di una porzione territoriale cos√¨ grande. Il gigante colossale e quello corazzato spariscono misteriosamente dopo avere spianato la strada ai loro simili.

Fra i sopravvissuti alla tragedia vi sono i tre protagonisti della storia: Eren Jaeger, Mikasa Ackermann e Armin Arelet. L’accaduto genera in Eren, gi√† impulsivo di natura, un odio verso i giganti superiore alla paura nei loro confronti, e giura di sterminarli tutti. Mikasa √® un’orfana che dopo la perdita dei suoi genitori ha vissuto sotto l’ala protettiva della famiglia Jaeger, ma quel giorno ‚ÄĒ cos√¨ come Armin, il miglior amico di Eren ‚ÄĒ anche lei perde tutto. A cinque anni di distanza dall’accaduto i tre amici sono cresciuti e sono entrati a fare parte dell’esercito, quando i giganti si presentano di nuovo. Per Eren, Mikasa, Armin e le altre reclute inizia cos√¨ un crudele battesimo del fuoco.

Pareri personali

Parto subito col dire che, a differenza di ci√≤ che dicono molti altri, il manga √® stato trasposto in una maniera divina: in molte occasioni la caratterizzazione dei personaggi √® resa molto meglio, ma anche i disegni non sono da meno. Il comparto musicale √® meraviglioso e riesce a fare immedesimare chi guarda, per non parlare delle opening (Sasageyo, Sasageyo… vi ricorda niente?), ti entrano in testa e ogni volta che le senti vuoi alzarti in piedi per portare la mano al petto. A volte ci√≤ che fa veramente la differenza in un’opera sono proprio le soundtrack, le quali ti catapultano in quel mondo pieno di adrenalina. Il doppiaggio √® fatto veramente bene tuttavia io sono uno di quei “tradizionalisti” che preferiscono guardare l’anime in lingua originale, per√≤ “diamo a Cesare quel che √® di Cesare […]” e un bel 9.5 se lo merita (il mezzo punto √® per le urla, pu√≤ sembrare una sciocchezza ma in un anime del genere danno tanto, ed in giapponese rendono molto di pi√Ļ). Come penso molti miei “colleghi” amanti di anime e manga, all’udire della voce di Flavio Aquilone (se non sai chi √®, vai a riguardarti almeno 3 volte Death Note) un po’ mi sono eccitato.

Per quanto riguarda la trama √® molto ben fatta e quasi nulla √® lasciato al caso: possiamo dire che AOT √® un anime moderno che riesce a superare molti shounen pi√Ļ famosi vecchio stampo e che molte volte, per i temi trattati, rasenta il seinen ed √® riuscito a “fare breccia” nel cuore di molte persone (si, √® un riferimento a Mortebianca e sono d’accordissimo con quest’idea). L’ambientazione spazio-temporale √® medievale e, come appunto √® espresso chiaramente, soprattutto da Eren, la situazione in cui si trova l’umanit√† √® una sorta di “caverna di Platone”.

L’opera √® stata molto criticata per via della “piattezza” di molti personaggi, anzi, alcuni dicono proprio tutti: vengono criticati personaggi come Levi, Erwin, i 3 protagonisti… ma mi trovo in completo disaccordo. La pseudo-piattezza di Levi √® voluta ed √® proprio questo che fa invece la profondit√† del personaggio, infatti il capitano √® una persona molto riflessiva, e si vede in molte scene: si rattrista, si chiede se ci√≤ che fa √® giusto e per via di alcune perdite di persone care sprofonda per pochi attimi, ma si rialza grazie alla sua forza d’animo e soprattutto grazie alle esperienze che lo hanno forgiato e che gli forniscono questo carattere “ermetico”. Inoltre Levi √® uno dei personaggi, oltre che fondamentali, pi√Ļ agili e (piccola curiosit√† se non lo sapeste) l’ala blu del corpo di ricerca √® proprio lui, simbolo della forza, mentre l’ala bianca √® Eren, simbolo della purezza, proprio perch√© egli agisce seguendo un obbiettivo puro, dal punto di vista dell’umanit√†, anche se poi ovviamente la situazione evolver√† (mi fermo qui per evitare spoiler).

Vogliamo poi parlare del comandate del corpo di ricerca, Erwin Smith? Un’uomo tutto d’un pezzo, degno di un vero comandante ed proprio nella seconda parte della terza stagione che vediamo quanto in realt√† sia ben fatto questo personaggio: oltre ad essere molto coraggioso, non si tira mai indietro, √® proprio lui a farsi avanti in battaglia e, ripeto, tutto ci√≤ √® degno di un vero comandante. Anche lui insegue il suo sogno ed √® probabilmente colui che lo fa pi√Ļ ardentemente di tutti gli altri, anche se non si capisce inizialmente.


(SPOILER Terza stagione seconda parte)

A mio parere, le puntate pi√Ļ belle in assoluto sono la 54, la 55 e la 56, ovvero quelle in cui il capitano Erwin rinuncia al suo sogno di scoprire la verit√† e confermare la teoria svelatagli dal padre per dare del tempo a Levi e dare una speranza a tutta l’umanit√†.

L’unico modo che abbiamo per opporci e lottare contro questo mondo crudele. SOLDATI INFURIATEVI, SOLDATI GRIDATE, SOLDATI… COMBATTETEE.

Il momento in cui il comandate alza il braccio, scoprendo quindi qual’ era stata stata la sua domanda da piccolo, per far capire che l’iniezione la doveva ricevere Armin √® sicuramente il pi√Ļ toccante e significativo.

(FINE SPOILER)


Bene ragazzi, per oggi (e per questo mio fantastico ritorno) è tutto. Ricordatevi di lasciare un commento, di seguire la pagina Instagram e lasciare un mi piace alla pagina Facebook. Ci vediamo!

Tutti i diritti di riproduzione dell’articolo sono riservati agli autori.

Fan Art

Fan Art

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Spam di Articoli

Mieruko Chan: Horror o Ecchi?

Mieruko Chan: Horror o Ecchi?

Ciao a tutti! Io sono Dalila e vi do il benvenuto su One World Blog! Oggi sono qui per parlarvi di un anime stagionale da poco concluso, ovvero...